"Ma, quando niente sussiste d'un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l'odore e il sapore, lungo tempo ancora perdurano, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sopra la rovina di tutto il resto, portando sulla loro stilla quasi impalpabile, senza vacillare, l'immenso edificio del ricordo."
(M. Proust)

7 marzo 2011

gnocchi di riso (ma anche pollo sesamo limone)


Quando si va in gita da Kathay (i milanesi e limitrofi sanno) si torna con sporte di cibi esotici che poi non ci si sogna di usare chissà per quanto tempo. Ai miei compagni mangiatori questi gnocchi di riso piacciono, tanto che al ristorante li ordinano sempre. Io non sono così entusiasta, però devo dire che il risultato non è male.
Ho provato a scattare le foto con l'iphone, mi sa che tornerò alla mia macchinetta, più vetusta ma - almeno lei - affidabile.
Come saprà chi legge le mie vicende su FB a causa di un aggiornamento del sistema operativo, ho perso (e nessuno le sa ritrovare - spero che la MelaMorsicata si metta una mano sulla coscienza e risolva il problema - non solo mio) TUTTE le foto degli ultimi tre anni. Quindi India, quindi più di un Lisbona, quindi Croazia, quindi molti molti cibi - non tutti memorabili ma qualcuno sì.
Vabbè, mi rassegno. Dico a tutti da anni che sono zen: è venuto il momento di dimostrarlo.

Dunque, un piatto domenicale ideale: veloce e colorato. Se si usa un intero pacco di gnocchi di riso avanzerà un enorme quantitativo buono per la schiscetta del giorno dopo.
--
Per quattro persone:

GNOCCHI
1 pacco di gnocchi di riso (messi a bagno la sera prima)
2 porri (senza la parte verde)
4 -5 cm di zenzero, sbucciato e grattugiato
2 carote medie
2 coste di sedano
un pugno di piselli freschi
1 piccolo cavolo cinese o della scarola
200 gr di germogli di soia
coriandolo tritato
olio di sesamo e salsa di soia
POLLO
1 piccolo petto di pollo, tagliato a striscioline
1 limone, succo e scorza grattugiata
semi di sesamo
olio d'oliva, sale, pepe
--
Facile facile: nel wok fare appassire le rondelle di porro e lo zenzero grattugiato in poco olio di sesamo. Aggiungere carote a bastoncini e sedano a tocchetti. Appena ammorbiditi unire anche il cavolo cinese o la scarola a striscioline e infine i germogli.
Aggiungere un pochino d'olio d'oliva e tre- quattro cucchiai di salsa di soia e far saltare le verdure con gli gnocchi ammorbiditi e scolati. Saranno necessari almeno cinque minuti.
Cospargere con coriandolo tritato.

Mentre le verdure si amalgamano agli gnocchi, in una piccola padella saltare in poco olio  il pollo a striscioline ed i semi di sesamo. Salare leggermente. A cottura quasi ultimata bagnare con il succo di limone e guarnire con la buccia grattugiata.

Servire gli gnocchi come contorno della carne o viceversa.
La consistenza un pò viscidina di entrambi i piatti fa molto listolante di ciaina taun vero. O almeno verosimile.
 

(PoveraPazza)

3 commenti:

( parentesiculinaria ) ha detto...

Cavolo! Hai perso un patrimonio...
SEMPRE salversele su un cd le foto... (parlo io che ho tutto qui su pc, bada! :)
Altro che zen... mo non farti venire l'alopecia perchè hai deciso di non arrabiarti, eh!

Anche io amo molto sti gnocchi gnoccosi un po' appiccicaticci e se mi chiedessero che voglio per cena (non ho voglia di preparare una cippola) indicherei senza indugio questa foto con aria speranzosa di tovarmela d'amblè qui davanti...

Il fra ha detto...

accidenti... ma l'okkio ritrova quello che la memoria ha perduto, quei megabyte perduti sono un'occasione per viaggiare ancora e sempre.
Vengo giù per pasqua e se mi inviti in carta bollata ci vediamo cuciniamo insieme e parlaimo di quello che sai.
Un abbraccio
il fra

PoveraPazza ha detto...

Guardate, sono molto dispiaciuta, però non è così determinante. Sono davvero zen e mi bastano i miei ricordi. Fra: la domanda te la faccio in duplice copia!! Sono qui a Pasqua, stanziale!! Ma che bellezza! Così progettiamo progettiamo!
Un abbraccio grande