"Ma, quando niente sussiste d'un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l'odore e il sapore, lungo tempo ancora perdurano, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sopra la rovina di tutto il resto, portando sulla loro stilla quasi impalpabile, senza vacillare, l'immenso edificio del ricordo."
(M. Proust)

29 marzo 2011

alfabeto alimentare - D come dattero

La D è stata dura. Che alimenti ci sono con la D? Dentice, Dattero, Dado..Poca scelta, che cavolo.
Siccome cucino raramente dolci, vada per il dattero.
--
Frutto dell'omonima palma, parla di NordAfrica e Medioriente. Non credo faccia benissimo: con il 60-70% di zuccheri risulta essere molto calorico. Cotto nel latte, sembra essere un toccasana per le vie respiratorie. Una volta ogni tanto si può anche fare uno strappo alla regola, no?

Per questi bicchierini mi sono ispirata ad ingredienti tipici dei Paesi in cui il dattero viene coltivato: ricotta, miele, menta, yougurt. Il risultato non è stucchevole, anzi.

Per quattro bicchierini:

10+6 datteri (io ho usato quelli secchi, ma i freschi sono molto molto migliori)
150 gr di ricotta
2 cucchiai di yougurt greco
1 cucchiaio colmo di miele
2 lime
10 foglie di menta
2 gr di agar-agar
--
Spremere i lime e, a caldo, sciogliere il miele nel succo. Aggiungere l'agar agar.
Frullare la ricotta con la menta. Incorporare il succo alla crema.
Tritare a coltello 10 datteri e mescolarli allo yogurt.
Preparare i bicchierini: sul fondo fare uno strato di ricotta e menta e lasciarlo rassodare in frigo per qualche minuto. Successivamente adagiare al centro un cucchiaio di crema di dattero e ricoprire con la ricotta. Decorare ogni bicchierino con tre mezzi datteri.
Lasciare in frigo per una notte.
(PoveraPazza)

9 commenti:

Pentapata ha detto...

io auspico una liberazione totale del magreb ( mettete un poì' voi l'h dove va messa ) e la commercializzazione dei datteri a go go.
allah è grande viva i datteri abbasso Noberasco e Life, spacciatori di datteri stitici !!!!

Milen@ ha detto...

Consumo sempre i datteri nature e l'idea dei bicchierini mi piace, per giunta con la leggerezza della ricotta :D

Il fra ha detto...

pensavo di cucinare con te una ricetta con i datteri e una zuppa... dato che mi hai mandato la marca da bollo, vengo a biella praticamente per te (o quasi, altrimenti qualcuno si arrabbia...)
a presto e i dettagli via mail
il fra

simona ha detto...

D come dattero ... la parte "verace" di me mi ha istintivamente portata a pensare al dattero di mare per cui è fatto divieto di pesca (ovunque ma non qui !!!) ... e che io adoro perchè sa rendere ogni linguina indimenticabile ... ora scappo ... ma riprenderò volentieri da casa la "querelle" tra i datteri ... eheheheh !!! ciao

Le ricette dell'Amore Vero ha detto...

S come squisitezzaaaaaaaaaaaaaaa!!! :-D

PoveraPazza ha detto...

Confesso che i datteri che ho usato sono dell'orrida multinazionale che non oso neppure nominare, Penta.
FRA!!!! YEPPA!!!!!!!!attendo con ansia i dettagli. Se hai bisogno di traporti da e per, con la potentissima Twingo, fammi sapere.

( parentesiculinaria ) ha detto...

mmmmmhh... menta e datteri.. tu mi trasporti lontano!
e poi non è che non faccia bene, anzi!
è solo moooolto calorico.
ma immagina una giornata in montagna tra la neve a camminare e in tasca solo datteri. secondo me scali l'Himalaya!

paolamiglio ha detto...

i datteri naturali che mi porta fabrizio dalla tunisia sono uno spettacolo. E quando ho avuto il dubbio di essere allergica a qualsiasi cosa mi sono nutrita solo con quelli...molto energetici, ma molto utili-un tupperware in borsa e via :-)

PoveraPazza ha detto...

Ma paola, tu hai un canale privilegiato con la tunisia e lo tenevi nascosto??
(parentesi): massì, calorico. Però chissene, una volta ogni tanto si può pur fare uno strappo al regime alimentare basato su becchime e erba, no??