"Ma, quando niente sussiste d'un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l'odore e il sapore, lungo tempo ancora perdurano, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sopra la rovina di tutto il resto, portando sulla loro stilla quasi impalpabile, senza vacillare, l'immenso edificio del ricordo."
(M. Proust)

26 ottobre 2011

easy like Sunday morning: mela padelladolce

Mica mi son mai piaciuti tanto i pancakes. Quelli che si pigliano fuori, dico. Hanno tutti quella consistenza morbidina che li accosta alle spugnette gialle per lavare i piatti.
Me li son voluti cucinare domenica, per una inconsueta colazione solitaria.
Per curiosità, per mancanza di coerenza e sulla scia di quella frenesia melifera che mi ha fatto infilar mele ovunque, in queste ultime settimane.
Perchè son pancakes sì, ma alle mele.
Son dolci da padella facili, i pancakes. O saranno femminili?
Per il genere delle parole straniere io mi regolo così: se so la traduzione italiana uso lo stesso genere che avrebbe qui. Se non la so ma conosco il genere nella lingua d'origine uso quello. In caso di ignoranza assoluta, invento.

Breve pancake-ricetta.

Per due (ma dovete aver fame) e un misurino graduato americano, cari:


1 uovo grande, separato
3/4 di tazza di latte (200 ml)
1 tazza di farina (voluttuosamente Mulino Marino, qui) 110 gr
una punta di lievito per dolci
un pizzicone di sale
1/8 di tazza di zucchero 30 gr
1 grossa mela, sbucciata, privata del torsolo e grattugiata
olio per ungere
zucchero a velo
aromi a piacere (qui abbondante cannella)

sciroppo d'acero per servire

Easy like Sunday morning:
mescolare tuorlo e latte, montare a neve l'albume con il pizzico di sale, mescolare in una ciotolina gli ingredienti secchi (farina, lievito, zucchero) ed unirli a latte e tuorlo. Mescolare bene e poi aggiungere l'albume a neve.
Unire le mele grattugiate e gli eventuali aromi alla pastella.
Ungere con poco olio una padella antiaderente e cuocere le frittelle a cucchiaiate, girandole dopo un minuto. Man mano che sono pronte tenerle in caldo.
Servirle spolverizzate di zucchero a velo, con maple syrup a parte.
(PoveraPazza)

2 commenti:

Ale ha detto...

A me piace molto iniziare così la giornata! Piacere di conoscerti =) Copio subito...

Gio ha detto...

che sch... i pancake spugnetta sono d'accordo con te!! eh eh eh
meglio i tuoi, ne avanzano? :)